martedì 19 gennaio 2016

#escile diventa virale, da Milano a Torino

Milano, c’è una notizia che impazza in questo periodo in ogni dove. Si parla di contest tra università, i classici contest tra università pubblica e privata che in questo caso non si sono limitati solo a meri insulti riguardanti la preparazione e il prestigio delle rispettive università, no. A mettersi in gioco, in questo frangente sono stati gli studenti, più nello specifico le studentesse di PoliMI, Bocconi, Luiss, Cattolica, Bicocca, ma anche Università pubbliche di altre regioni, tra le quali figurano l’Università degli Studi dell’Aquila e UniMoRe, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. 

La gara ha preso piede dalle rispettive pagine spotted presenti su facebook, questa gara, tutt’altro che accademica prevedeva che le giovani studentesse di queste università, mostrassero il seno coprendo giusto il minimo indispensabile, come antico richiamo al senso di decenza che a quanto pare non e ancora stato perduto del tutto, a favore di webcam, a favore cosi di chiunque. 

Il nobile atto non esclude motivazioni ben più profonde, quali il radicato senso di patriottismo nei confronti della propria università di appartenenza, dimostrato appunto, si, mostrando le proprie grazie, ma non solo; sui seni delle giovani patriote infatti, figurava il nome della propria università. Quale atto migliore se non questo per difendere il nome della propria università? 

Per non farsi mancare niente anche i baldi giovani studenti hanno voluto aderire a questa iniziativa, mostrando cosi i propri addominali, scolpiti e non, riportando come didascalia il simpatico hashtag #genderequality Voci di corridoio riportano la notizia che anche le studentesse Unito abbiano deciso di mettersi in gioco, ma ancora in modo non del tutto pubblico, ma attraverso un’applicazione nota ai più, dove è possibile aver contatti con gli studenti di tutta Italia. 

Insomma, non ci rimane che aspettare, chi indignato, chi divertito, chi entusiasta, gli sviluppi di questa storia. 

Claudia Balmamori